La notte più lunga, Carmen Consoli – testo e video

0
224

La notte più lunga, da L’abitudine di tornare di Carmen Consoli. Guarda anche articolo con tracklist e video.

Verso l’alba avvistammo quella barca malandatatracimante di persone che agitavano le bracciacarico di gratica speranzadi vite inscatolate senza alcuna etichettaquella sera il nostro mare avrebbe riportato a rivaanche il resto del composito equipaggio senza vita
Chi governerà questa furia mediaticaparole d’autore intrise di dolorecorrete tutti è in onda il nuovo reality in mondovisione
a cosa servirà l’ennesima visita di maghi e onorevoli
di sua maestà e piangiatori in posa che si disperano per 3 euro l’ora
E malgrado sapessero di commettere reatodi comune accordo i pescatori tesero la manoin barba ad ogni amara conseguenza
seguirono la voce della propria coscienza
quella sera il nostro mare avrebbe riportato a rivamappe e foto di famiglia
stracci e una scarpetta bianca
Chi governerà questa furia mediaticaparole d’autore intrise di dolore non fatevi sfuggire questo nuovo show sensazionale
a cosa servirà l’ennesima visita di cortesia formale e solidarietà su venghino signori ad ammirare il circo degli orrori
Chi governerà questa furia mediaticaparole d’autore intrise di dolore
Carnevale ha in serbo un nuovo carrozzone di promesse vane