Il Blues che aveva viaggiato dall’America ed era arrivato in Italia! INTERVISTA a Tito Esposito

0
94

Prodotto nell’autunno 2020 presso l’“Entropya Studio” di Perugia, insieme a Stefano Bechini e Gabriele Ballabio e uscito a maggio 2021 in tutti gli store digitali, “You Can Take This Time” è l’inizio di un nuovo percorso per il songwriter Tito Esposito.

Abbiamo fatto quattro chiacchiere via mail con Tito per conoscerlo meglio e farci raccontare il suo nuovo progetto.

Ecco la nostra intervista!

1) Come è nato il tuo progetto solista?
Il mio progetto solista nasce da un bisogno di scrivere canzoni e di esplorare meglio i sentimenti. La musica è una medicina per tutti, per me in primis; mi sento fortunato quando posso condividere il palco con un altri musicisti e amici, soprattutto cercare con il pubblico l’empatia per mettere in atto questo bellissimo scambio che si crea, che ci cura tutti. Cerco sonorità che partono dal mondo afroamericano ed arrivano al folk africano. Il mio percorso musicale è nato negli Stati Uniti, ad Atlanta in Georgia, a seguito di alcune vicende fortunose che mi hanno portato ad approdare per la prima volta ad un festival negli Stati Uniti. Il percorso a ritroso del blues, invece ora, riporta all’Africa il blues che essa stessa ha portato alle Americhe e anche qui in Europa è avvenuta negli ultimi anni una contaminazione con la musica africana.
Quando ho suonato in Atlanta la prima volta era il Chicken Raid Festival nel 2014. Quel giorno mi dissero che il blues aveva viaggiato dall’America ed era arrivato in Italia ed ero uno di quelli che lo riportava indietro. Me lo disse un chitarrista di nome “Snave” abbracciandomi sul palco, fu molto bello.

2) Come nascono le tue canzoni?
Le mie canzoni sono dei mood, in cui cerco di seguire l’energia che mi arriva. L’aspetto rituale della musica mi attrae molto, così come l’aspetto ritmico incalzante e tribale della tradizione africana. Sopra questi ritmi mi piace creare le melodie cantate: amo il blues, la musica afroamericana, l’R’n’B il cantautorato italiano e la musica medicina delle tribù Native.

3) Hai mai pensato di partecipare ad un talent?
Non posso dire che mi piacerebbe partecipare ad un talent, ma perché no? Se dovesse crearsi l’occasione lo farei. Credo che queste siano occasioni importanti per comunicare ancora di più il proprio messaggio.

4) Dopo questo singolo ci sarà un album o un EP o avremo prima qualche altra anticipazione?
Dopo questo singolo ci sarà un album e cercherò di ripartire in tour. L’interesse musicale si è spostato verso la contaminazione, e sta nascendo una realtà molto interessante. La band che suona con me è composta da musicisti italiani e maliani, che suonano strumenti tradizionali africani, che danno al sound un sapore esotico e tribale. Abbiamo presentato questa nuova formazione presso Trasimeno Blues, con dei pezzi inediti, che in autunno incideremo.

5) Progetti Futuri?
Stiamo creando questo progetto dal basso, abbiamo formato una squadra di lavoro e vorremmo crearci il nostro spazio per arrivare a portare questo concetto in giro il più possibile.

link piattaforme stream You Can Take This Time
https://songwhip.com/titoesposito/you-can-take-this-time

GUARDA IL VIDEO
https://youtu.be/U3F_6q_wi1M

Biografia: ANDREA TITO ESPOSITO è un cantautore, bluesman e performer classe ’83. Ha all’attivo più di 500 esibizioni nel territorio europeo ed internazionale. Ha cominciato la sua esperienza musicale significativa negli Stati Uniti, esibendosi nelle “blues venues” di Atlanta, Tra il 2013 e il 2017 ha diviso il suo tempo tra Italia e America. Questo viaggio gli ha permesso di approcciare ed interessarsi della cultura Afroamericana, vivendo da vicino la realtà del blues. Ha collaborato e diviso il palco con artisti di caratura internazionale, come “Mudcat”(noto esponente del blues di Atl), “Lil’Joe Burton”(ex trombonista di BB King), “Lola Gulley” (vincitrice del Jus Blues Music Awards e nominata “Atlanta’s Queen of Blues”), “Beverly Guitar Watkins” e “Eddie Tigner”. Esibendosi per più di 60 date nei maggiori “Club” di Atlanta e della Georgia, come il “Northside Tavern” il “Blind Willie’s” ed ha realizzato un album dal titolo: “Atlanta Session”, pubblicato nel 2014. Nel 2015 sempre nel territorio Americano incide “Georgia Line”, album mai pubblicato ufficialmente, ma stampato a tiratura limitata e venduto autonomamente dall’artista durante le sue esibizioni. Tra il 2016 e il 2019 partecipa a numerosi festival nel territorio Italiano, Ottobre 2015 Partecipa alle semifinali dell’ “European Blues Challenge” a Bitonto, e in Luglio 2016 “Pignola Blues” in Basilicata e “Campania Blues”. “Marco Fiume Blues Passion” a Rossano Calabro. Luglio 2019 apre a “Doyle Bramhall” sul Palco dell’Arena Del Mare a Salerno. Sempre a Luglio apre a “Elliot Murphy” presso la manifestazione “OrientOccidente” a Terranuova Bracciolini(AR) e successivamente apre il Concerto di “Ana Popovic” per il “Trasimeno Blues” Festival. Attualmente impegnato nella realizzazione di un nuovo Album che fonde il blues ed il folk con sonorità più “afro” e “world” che ha come brano di presentazione l’attuale singolo in uscita.

CONTATTI
IG @andrea_tito_esposito

L’articolo Il Blues che aveva viaggiato dall’America ed era arrivato in Italia! INTERVISTA a Tito Esposito proviene da Musicisti Emergenti.