Marco Mengoni – Le cose che non ho | Il nuovo album

Oggi 4 dicembre esce l’album di Marco Mengoni Le cose che non ho. Il disco rappresenta la continuazione del percorso iniziato con Parole in circolo. Tante le collaborazioni, come quella con Sia e Giuliano Sangiorgi.

Oggi 4 dicembre esce l’album di Marco Mengoni, Le cose che non ho. Attraverso questo nuovo lavoro il cantante affronta un’altra tappa della propria crescita artistica. Il disco rappresenta la continuazione del percorso iniziato con il precedente album, Parole in circolo.

Nell’ illustrare questa sua ultima fatica il cantante ha commentato: “Le cose che non ho è il titolo che ho scelto per ricordare a tutti, ma prima di tutti a me stesso, quanto sia importante sapersi guardare dentro, imparare a godersi gli attimi della vita, i singoli momenti che compongono una giornata, e – nel mio caso – la fortuna che mi è capitata di fare ogni giorno quello che più mi piace. E’ una delle ballad più importanti del disco e anche per questo ho voluto che fosse la title track dell’album”.

Marco Mengoni_2
L’album è stato prodotto tra Milano e Los Angeles e contiene undici tracce: il percorso che Marco Mengoni ha intrapreso si snoda attraverso concetti importanti, legati al senso di umanità. Il disco è una riflessione sulla velocità dell’esistenza e sull’ impossibilità di assaporare i veri momenti della vita, anche quelli più piccoli di quotidiana felicità. Da qui la necessità di fotografare il mutamento, il divenire e farne il filo rosso che percorre tutto il disco e che soprattutto viene affrontato nel brano che da il titolo all’album. E poi,  un’ altro  dei temi centrali della produzione del cantante è l’amore perché  come lui stesso afferma “Io non saprei scrivere d’altro che di amore”.

Le cose che non ho vanta delle belle collaborazioni, tra queste quella già consolidata con Fortunato Zampaglione -con cui Marco Mengoni ha composto Guerriero– e quella inedita con Giuliano Sangiorgi che ha firmato il testo e la musica di Solo due satelliti.
Il brano Rock bottom – il solo in inglese – nasce invece dalla collaborazione con Sia, artista internazionale e protagonista della scena pop, vero fiore all’occhiello del disco. Così come un importante artista di riferimento è il francese Stromae, che ad un suo concerto ha lasciato a bocca aperta Mengoni.

In Le cose che non ho ritornano le sonorità elettroniche, i campionamenti vocali, vera e propria cifra stilistica del cantautore inseriti in una sequenza di evoluzioni armoniche e strumentali.

La tracklist:
1. Ricorderai l’amore
2. Ti ho voluto bene veramente
3. Ad occhi chiusi
4. Resti indifferente
5. Parole in Circolo
6. La nostra estate
7. Solo Due Satelliti
8. Rock Bottom
9. Le cose che non ho
10. Dove Siamo
11. Nemmeno un grammo

I testi delle canzoni di Marco Mengoni