Rapper emergenti | Intervista a Giostra



Ecco l’ultima intervista di questa settimana che è stata ricchissima di rap, ne saranno molto felici gli amanti del genere. Sarà appunto un rapper a chiudere questo ciclo di interviste: si chiama Lucio Perrone ma è artisticamente conosciuto come Giostra, molto attivo in questo periodo con un mixtape appena pubblicato e un altro in uscita, oltre al primo album in preparazione. Conosciamolo meglio parlando direttamente con lui.

 

  • Parlaci un po’ di te e della tua passione per la musica.
    Ciao! Mi chiamo Lucio Perrone, ho venticinque anni e sono un ragazzo che prova a fare rap; abito in provincia di Varese ma sono originario del Salento.
    Il mio legame con la musica è iniziato fin da bambino, quando, circa all’ età di sette/otto anni, mia madre ( che non aveva idea di cosa fossero il rap
    e l’hip hop ) mi comprava le cassettine verdi (che se lasciate al sole diventavano rettangolari) principalmente di musica dance.
    Poi intorno ai quattordici anni ho scoperto da solo Eminem, Snoop Doog, Esa, Inoki, Tormento e Bassi Maestro.
    Intorno ai sedici anni alcune brutte situazioni familiari mi hanno spinto a fare rap e a studiare questo tipo cultura che è l’hip hop.
  • Di cosa parli nelle tue canzoni?
    I miei testi raccontano storie di vita reale, oppure sfogano mie paranoie. Io cerco di rendere ‘ visibile per tutti i sensi’ la mia musica, come se fosse una storia che a un certo punto esce dal film e diventa vera.
  • Secondo te, e in base alla tua esperienza, è difficile emergere in Italia?
    Farsi notare è difficilissimo, la vita dell’ artista è così, oggi sei qualcuno domani non vali più nulla.
    Ci sono tantissimi artisti e tutti bravi, il web è un mezzo favoloso per farsi notare, ma può essere anche un’arma a doppio taglio. Devi aspettare il momento giusto per uscire con qualcosa di fresco e valido, io l’ho imparato a mie spese, purtroppo.
  • Quali difficoltà hai incontrato?
    Le difficoltà sono state tante, una di esse è stata avere il coraggio di esibirmi in pubblico, ora grazie a Dio l’ho superata alla grande.

 

 

  • Cosa pensi del modo in cui è cresciuta la scena rap italiana in questi anni?
    Credo che la scena rap attualmente stia raggiungendo livelli di importanza assurdi, in cui anche le major stanno capendo che gli artisti devono essere lasciati più liberi e non fare tutto solo in ‘chiave marketing’.
  • Sei riuscito a trovare un’etichetta in grado di sostenerti o ti autoproduci?
    Purtroppo attualmente mi autoproduco, in passato ho collaborato con Amos Tenerini che è stato il mio manager produttore che ha collaborato anche con MondoMarcio e tanti altri; con lui ho un disco in cantiere che per ora è fermo per motivi di natura economica, ma ci tengo a precisare che Amos è ancora un mio grande amico e che presto torneremo a collaborare insieme.
  • Parlaci dei tuoi lavori più recenti.
    Per vari motivi, da poco è uscito il mio primo mixtape ( Da Cremenaga Cremanegra), ma in realtà è un lavoro del 2014. Attualmente mi sto preparando per far uscire un mixtape dal nome L’ arte dell arrangiarsi, non ho ancora scelto la data ufficiale, ma uscirà sicuramente in estate per anticipare il mio primo disco ufficiale, FAME, che uscirà a dicembre.
    Inoltre sto registrando delle puntate per Radio Studio 92, su un programma rap dal nome Quattro quarti che andranno in onda su FM e Streaming, loro stessi mi faranno un’intervista e passeranno le mie canzoni in radio per un mese, il tutto è dovuto ad un premio vinto a un concorso musicale che mi ha visto arrivare terzo sul podio.

 

 

  • Quali sono le tue ambizioni per il futuro?
    Spero di poter vivere campando di musica.
  • L’intervista volge al termine, concludiamo con un aneddoto: raccontaci di un bel ricordo legato alla tua carriera da rapper.
    Sicuramente è stato bellissimo conoscere Amos e collaborare con lui, e partecipare arrivando sempre in finale o in semifinale a contest di freestyle dove erano presenti rapper che hanno partecipato a Spit o al Tecniche perfette.

 

giostra1

 

Ringraziamo Giostra per averci concesso questa intervista e gli facciamo grossi auguri per la sua carriera. Se siete stati colpiti dal suo talento e dalla sua personalità, potete continuare a seguirlo tramite la sua pagina Facebook e il suo canale Youtube.
Questa settimana di interviste finisce qui, se volete recuperare tutte le interviste ai rapper che abbiamo conosciuto in questi giorni, potete leggere quelle ad Alakamaya, Franky, Zioby e Hal. Non perdete l’anteprima di Lunedì che pubblicheremo domani, per scoprire quale nuovo artista andremo a conoscere.
Per rimanere sempre aggiornati sugli artisti emergenti e sulle promesse del panorama musicale italiano continuate a seguire tutti i giorni le nostre interviste sulle news di Wikitesti.com e sulla nostra pagina Facebook.

Social

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here