Fabio Zona e i Supernova | Anteprima dell’intervista di Venerdì

Settimana passata all’insegna di solisti e di self-made men questa per la nostra rubrica. Abbiamo iniziato conoscendo il giovanissimo Gionathan, che ha da poco iniziato a realizzare i suoi sogni; parlando poi con Marirosa Fedele, una donna che il suo sogno l’ha già, in parte, realizzato. Oggi l’intervista all’instancabile Daniele Balzano e domani quella ad ONILL.
L’intervista di Venerdì, invece, ci ricorderà che la musica non è solo realizzazione esclusivamente personale ma anche lavoro di gruppo e ricerca di obiettivi ambiziosi insieme ai propri compagni di strada. A parlare con noi sarà Fabio Zona, musicista romano portavoce della rock-band Supernova.
Fabio e la sua band non sono dei novellini, propongono la loro musica originale dal 1997, e si sono fatti le ossa per anni nei locali romani e nei festival. Dopo una  lunga pausa, nel 2009 sono ritornati in attività e due anni fa sono riusciti a dar vita al loro album di inediti più importante, Mister Oper All Night.

 

Le canzoni sono come le ortiche: nascono dove qualcosa viene lasciato incolto, spesso a livello emotivo. Cerco di scrivere i miei testi osservando, innanzitutto, e poi scavando dentro quello che non si riesce a dire senza una chitarra che accompagni le parole. Non so se esiste un filo conduttore nelle mie canzoni, spero che passando in rassegna le debolezze umane, l’incoerenza, le dipendenze, le indecisioni che ti tengono in bilico, prevalga alla fine il sogno di un riscatto, di una rivincita. Qualcosa per cui valga la pena danzare sulla propria tomba.

 

Non perdete l’intervista completa di Venerdì 12 Giugno per conoscere meglio Fabio Zona e i Supernova e sapere di più sulla loro storia e i loro attuali progetti.
Continuate a seguirci su Wikitesti.com e sulla nostra pagina Facebook per rimanere aggiornati sul mondo della musica emergente italiano di tutti i generi e conoscere nuovi artisti.

Social

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here